[....] affonda le sue radici in un trepido spirito di ricerca che vuole andare al di lą delle apparenze convenzionali ed inquisisce in un reale nascosto, con un'emersione di immagini private del loro guscio conformistico, quasi decantate dal ciarpame delle apparenze.  Talvolta č il bagliore di un attimo segnato da un tocco di colore, magari inusitato, che dischiude la veritą intima e spoglia delle sovrapposizioni realistiche.  Partito da moduli ricchi di toni, da rappresentazioni marcate ed inseguite da un segno carico, deciso, a volte sovrabbondante, č passato a stemperare questo turgore di presenze, giocando con poche voci un ritmo che si fa pił raccolto, quasi rarefatto, fasciato da nebulose ed indecifrabili indicazioni formali, quasi a voler mettere allo scoperto quell'interioritą incomprensibile che sorregge ed impalca ogni entitą.

Licinio Boarini al Cittą di Cervia 1982




...it sinks his roots in an anxious spirit of search that wants to go the there of the usual appearances an investigates in a real one hidden, with an emergence of images deprived of their similar shell, almost praised from the "old" of the appearances.  Sometimes it is the flash of a moment marked from a touch of color, even if unusual, that discloses the truth summons and counting of the realistic superimpositions.  Left from rich forms of tones, from representations marked and pursued from a loaded mark, decided, to overabundant times, it is passed to sweeten tis force of presence, playing with little shouting a ritmo that it is done more collected, almost rarified, bound from nebulas and indecipherable formal indications, almost to want to nude inner force incomprehesible that sustains and it builds every work.





by giampieromaldini.it (giugno 2002 - dicembre 2015)
Aggiornata 10122015