Diretta Televisiva VenetoSat Canale 893 Sky


[...] Sembra quasi l'apparizione di una figura dietro una finestra in una giornata d'inverno; una finestra in cui la pioggia ha reso evanescente il profilo che si scorge al di lÓ di questa. Il colore liquido sembra quasi rincorrere stati d'animo simultanei che si veificano nel momento stesso in cui l'artista tiene il pennello in mano: Non sappiamo di questa figura l'identitÓ, sembra una donna, la collana almeno suggerisce questo, in realtÓ quello che colpisce di questa immagine resa vaporosa dai colori, resa veloce, resa febbrile appunto dalla pittura ad encausto, Ŕ il senso anonimo, e quindi ideale, di una figura ritratta in un momento indefinito del giorno, in un tempo in cui tutto sembra poter diventare realtÓ e forse anche i sogni possono concretizzarsi in questa.
[...] Devo dire mi ha fatto pensare a quella che Ŕ una pittura che riecheggia la grande lezione di un pittore, molto amato da Peggy Goggenheim, che trov˛ nelle acque del Tevere l'ultimo dei suoi giorni, ovvero Tancredi, che nel segno, nell'evoluzione contratta, sincopata, se vogliamo, di una propria scrittura interiore, ebbe a scrivere una propria biografia e forse, e questa Ŕ una domanda, una biografia che Giampiero Maldini scrive in modo ermetico in questa pittura ad encausto, nella quale i colori brillano come sequenze successive, come effervescenze interiori, come spunti fondamentali in cui l'artista Ŕ presente appunto con questo ghirigoro di segni.
Anche quando le masse si conformano e nella pagina pittorica indovineresti un ideale paesaggio, la realtÓ di Maldini Ŕ trasposta trasfigurata in una dimensione di sogno.



Giovanni Faccenda

Noventa Vicentina, Marzo 2006







by giampieromaldini.it (giugno 2002 - dicembre 2015)
Aggiornata 10122015